Allenamento Farfalla - (Viva il Papillon)

Emmett hines

200 Farfalla

Ci siamo, eccoci alla gara dell’anno, tanto agognata, sudata e preparata. Dieci atleti in totale, tutti gli altri  ex-agonisti, o atleti master i cui loro allenatori li hanno costretti a serie da 1000m, magari indossando magliette o magari felpe o maglioni di lana per fare più resistenza. Per loro i 200 metri sono una zanzara sul deretano di Golia.

Quel tipo

In corsia 5 c’e’ un tipo diverso, strano. Non molto più atletico degli altri, ha solo 15 anni più di te. Lo potete certamante battere nei 200, ma anche nei 100 a  stile libero. Ma non lo avete ancora visto nuotare a farfalla. Egli porta avanti il suo ritmo regolare della gara, sempre con braccia alte ad ogni bracciate, senza colpo ferire finisce la gara, esce semplicemente dalla vasca sulle sue gambe, senza il minimo segno di disagio fisico.Non abbiamo nulla contro questo stile: è il più bello se nuotato correttamente, in allenamento ne fai sempre alcune vasche. Come sfida si può anche fare un 50m ogni tanto, sperando che un folla di appassionati vi guardi quando completate la serie.

Nuotare i 50m è fattibile, ma già i 100m sono un pensiero perverso, i 200 un vero incubo!

La Farfalla

Da un manuale “il corpo è in posizione ventrale, le spalle parallele alla superficie dell'acqua. Le braccia si muovono contemporaneamente ed alla stessa altezza all'indietro nell'azione subacquea, e in avanti nell'azione aerea.”Esteticamente è la nuotata più fluida ed aggraziata quasi sensuale : mette in soggezione alcuni, se nuotato bene dà soddisfazione sociale(applausi all’uscita!).

 ....  Continua nell'allegato ...