Tubo Catodico e OscilloScopio

TUBO CATODICO - L'invenzione del tubo di Braun e dell'oscilloscopio era in potenziale già la televisione che apparve pero solo trent'anni dopo, alla fine degli anni Venti. L'idea geniale venne al fisico tedesco, Karl Ferdinand Braun (1850-1918). Fu infatti lui a costruire il primo tubo elettronico, noto anche come "tubo di Braun" (oggi indicato con l'acronimo CRT, utilizzato negli apparecchi televisivi e nei terminali video degli elaboratori). Braun nel corso di questo 1897, modificò il suo tubo a raggi catodici in modo tale per cui il punto di fluorescenza verde formato dal flusso di particelle si spostasse a secondo del campo elettromagnetico creato da una corrente variabile.

Braun non immaginava di certo l'uso futuro del suo tubo, che avrebbe relegato al museo il disco di Nipkov (si era insistito per trent'anni su questo sistema, poi venne il fisico Wladimir Zworykin, che utilizzò proprio il tubo di Braun creando l "iconoscopio" e il "cinescopio" e dai quali si svilupperà la televisione attuale.). Infatti i raggi emessi dal tubo di Braun hanno la proprietà di deviare quando siano in presenza di cariche elettriche, e di deviare in misura proporzionali alle cariche stesse. Si utilizza proprio questa proprietà per esplorare le immagini con un minutissimo raggio catodico, sottile come un pennellino e velocissimo come una saetta, a spostarsi riga per riga, da sinistra a destra, e poi dall'alto in basso.

fonte : http://cronologia.leonardo.it/invenzio/inv011.htm